Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2017

LO STRAORDINARIO DISCORSO DEL DOGE LOREDAN IN DIFESA DI PADOVA

Immagine
Il discorso del doge Leonardo Loredan per la difesa di Padova "Se, come è manifestissimo a ciascuno, prestantissimi senatori, nella conservazione della città di Padova consiste non solamente ogni speranza di potere mai recuperare il nostro imperio ma ancora di conservare la nostra libertà, e per contrario se dalla perdita di Padova ne seguita, come è certissimo, l'ultima desolazione di questa patria, bisogna di necessità confessare che le provisioni e preparazioni fatte insino a ora, ancorché grandissime e maravigliose, non siano sufficienti, né per quello che si conviene per la sicurtà di quella città né per quello che si appartiene alla degnità della nostra republica; perché in una cosa di tanta importanza e di tanto pericolo non basta che i provedimenti fatti siano tali che si possa avere grandissima speranza che Padova s'abbia a difendere, ma bisogna sieno tanto potenti che, per quel che si può provedere con la diligenza e industria umana, si possa tenere per certo ch…

IL PRIMO GONFALONE COMPARE CON IL GEMELLAGGIO CON GENOVA

Immagine
RIPORTO il fatto storico da pochi conosciuto, ripreso oggi da Raixe venete, anche perché fu l'epoca in cui comparvero i primi vessilli col leone marciano in forma nimbata.

30 NOVEMBRE 1238
Tentativo di gemellaggio tra Genova e Venezia?
Firmata una tregua della durata di nove anni tra Venezia e Genova. Durante questo periodo ciascuna nave delle due repubbliche doveva innalzare tutte e due le bandiere, di S.Marco e di S.Giorgio. Tale tentativo di riappacificazione avvenne con Venezia in posizione di favore, dopo che con la Quarta Crociata e la conquista di Costantinopoli del 1204 Venezia si era resa padrona del Mediterraneo orientale creando quella vasta e capillare rete di possedimenti coloniali che andavano sotto il nome di Stato da Mar, il controllo della Serenissima sulle rotte commerciali levantine si era reso egemone, e talvolta poteva sfociare in scontri con altre "città stato" italiche. La fine della pace si ha nel 1255.
IL CASUS BELLI
Le due repubbliche possedevan…

QUANDO SE BARUFAVA PAR...Un filo d'oro di Manin

Immagine

SAN FRANCESCO DELLA VIGNA, le meraviglie di Venezia

Immagine
Elio Costantini

SAN FRANCESCO DELLA VIGNA

La chiesa di san Francesco della Vigna, nel sestiere di castello iniziata dal Sansovino e ultimata dal Palladio, la cui impronta la si intuisce dalla monumentale facciata, è indubbiamente una tra le più belle chiese di Venezia, il complesso religioso francescano oltre ad un grande chiostro ha anche un campanile alto 70 metri, molto simile al campanile di San Marco.


Campanile che da un'ampia visione panoramica sulla laguna, ma che sfortunatamente consente la visione di quanto accade all'interno di uno dei luoghi più segreti di Venezia... L'Arsenale.
Così, con un decreto del 15 aprile 1581, anno del completamento della sua costruzione, fu decretato di murare i due portici della cella campanaria che dava sul lato dell'Arsenale e nonostante i balconi fossero murati fin dalla sua edificazione, fu oggetto di un successivo decreto del Consiglio dei X che riteneva ancora a rischio la "sicurezza Nazionale", e con un ulteriore …

SON SUDITO FEDEL, COME UN SCIAVON! l'uniforme.

Immagine
Protesto a Dio, son sudito fedel
E gh’ò San Marco in cuor quanto un Schiaon…

Il poeta A. M. Labia (1709-1775) con l’incipit di questa poesia ci dà un’idea di quanto fossero affezionate alla Repubblica le popolazioni “illiriche”, cioè di lingua serba albanese e croata, sottoposte al Dominio veneto. E del resto, anche nella terraferma il sentimento era diffuso, ma proverbiale, secondo lui, era l’amore per il “Principe” degli schiavoni (le truppe d’oltremare), insomma, per San Marco. Fa piacere ricordarlo, ora che la storia, in questi tempi immemori, è ormai una passione di pochi.
Approfitto per ricordarvi anche i particolari delle uniformi, sopra vedete l'illustrazione ricavata dalle Carte Bubich presso l'archivio di stato di Venezia e sotto la mia ricostruzione con qualche variante, tipo il tricorno e gli stivaletti in pelle non regolamentari.
IL TRICORNO FUORI ORDINANZA DELL’OLTREMARINO Divisa da bassa montura (da caserma) di oltremarino, ultima uniforme. il tricorno è fuori o…

EL VENETICO ANTICO E EL VENETO DE ANCO'

Immagine
EL VENETICO ANTICO E EL VENETO DE DESSO DENTRO NA FRASE A Aquileia i ga trovà na frase, su na lapide, de epoca tardo romana (IV sec. d.C. ) , scrita in memoria de un veneto cristian del posto, probabilmente su comision de la vedova. £a ga straordinarie asonanze col veneto che parlemo ancò.
Invese de scrivar "QUOD VULT DEUS" el scalpelin ga inciso "CO VOL DEONI" su detatura dea vedova. Adeso dixemo quasi uguae: CO VOL DIO, par dire che co Dio ciama se parte par el nostro ultimo viaggio. Trovo che £a sia na prova straordinaria che xa a l'epoca da noi, nea cosideta X Regio, no se parlava el latin perfeto che trovemo scrito, ma un latin venetico col medesimo acento e modo con cui i veneti tende a canbiar el talian. Insoma gavemo £a prova che £a parlata veneta gra za nata.  Za in questa frase breve se capise che £a lengua veneta, gera na realtà viva, nata dal venetico antico che gaveva tante atinenze col latin, come sotolinea i studiosi. Quindi,  pensè a quanto antic…

"EL CAREGA" (GHE QUA EL CAREGHETAA!)

Immagine
Di Loredana Corrà glottologa all'università di Padova fino al 2015

Ghe qua el careghetaa! Careghe da inpajare, da registrare, el caregheta l'è qua!

Il grido suonava periodicamente per le stesse contrade e annunciava l'arrivo del seggiolaio ambulante. Il caregheta o inpajacareghe era accompagnato da uno o più giovanissimi gaburi (garzoni) e portava sulle spalle la bargela o crath, una gerla particolare a forma di telaio di carega su cui teneva i suoi pochi attrezzi e una o più fascine di paglia.
Arrivato sul posto sistemava la caora, una specie di cavalletto di legno che a partire dalla fine dell'800, costituiva il suo banco di lavoro. Faceva il giro della contrada per raccogliere le sedie da impagliare e si ritirav ain un angolo o, d'inverno, in una stalla ospitale, a eseguire il suo lavoro.
Seduto su una barelina, una piccola sedia, faceva innanzitutto il cordolo (cioè arrotolava i fili di erba palustre in modo da formare una specie di corda) e poi cominciava ad in…

L'INSOSTENIBILE REPUBBLICA, UNA E INDIVISIBILE.

Immagine
Don Floriano Pellegrini è stato  testimonial Plebiscito2013.eu, il movimento che ha organizzato il referendum digitale che ha fatto tanto discutere e ha riscosso notevole successo.  Don Floriano, in qualità di testimonial, aveva inviato a Plebiscito2013.eu questa  breve presentazione  che riportiamo di seguito e che la dice tutta sul suo spirito

Don Floriano Pellegrini

Ho 57 anni, appartengo a una famiglia antica, sono felice di essere sacerdote e di stare con la gente, pur con i miei limiti, in campo spirituale e in quello culturale, ma non solo.

Per me Venezia è sempre stata un punto di riferimento. Mio, della mia famiglia, della mia valle e di tutto il Popolo veneto. Quante emozioni, sofferenze, speranze, dietro queste parole! Non vedo perché non possiamo continuare ad essere Popolo in tutto e per tutto, indipendente e sovrano, profondamente capace e desideroso di collaborare con gli altri Popoli della penisola italiana e del continente europeo, ma Popolo! Mi auguro, perciò, non sia…

EROI VENETI: DOMENIO PIZZAMANO E L'ULTIMO RUGGITO DEL LEON

Immagine
Di Ecce Leo

Domenico Pizzamano, nacque a Corfù, dove suo padre Nicolò era Provveditore e Capitano. La madre era Lucrezia Diedo, casato nobilissimo ed illustre. Il ramo dei Pizzamano al quale apparteneva non era tra i ricchissimi, ma pur tuttavia la famiglia era considerata benestante. Oltre a varie proprietà terriere nel trevigiano e nel veronese, possedeva immobili a Venezia e a Murano. A San Lio, in corte della Malvasìa, era situata la casa dominicale.
Il nostro protagonista entrò precocemente nel Maggior consiglio per aver estratto la “Bala d'Oro ” il giorno di Santa Barbara del 1768
Il 7 maggio 1775 ebbe il suo primo incarico pubblico come Conte e Capitano a Sebenico nella Dalmazia . Tornato a Venezia ottenne la nomina nel 1780 di giudice del mobile, e nel 1782 di Savio alle decime di Rialto. Evidentemente diede subito prova di buone qualità, perché l'anno seguente il Maggior Consiglio lo scelse per l'importante ufficio di capitano e provveditore di Corfù.
Prima di par…

LA MITICA GUERRA DEI "CAMPAGNOLI" VENETI

Immagine
L'ARTICOLO è stato scritto da Fatrizio Revelli, su Repubblica del 22 maggio, poco dopo l'evento che sconquassò i media di tutto il mondo: e gli italiani, Lega compresa, a parlare di "armata pane e soppressa" per sminuire il gesto simbolico di valenza storica, unico in Italia. Lo fanno anche qua, in un certo modo... ma è anche una specie di "onore delle armi" da parte di un giornalista che conosceva bene le genti venete. E per questo riconoscimento quasi "militare" da parte di un esponente del giornalismo radical chic, lo ripubblichiamo. Magari conservatelo, e leggetelo, spiegatelo (spiegheghelo) a figli e nipoti, perché questa ormai è storia.. storia veneta. Come quella della Lega di Cambrai. 
VENEZIA - "Negli animi di questi contadini è entrato un desiderio di morire, e vendicarsi, che sono diventati più ostinati e arrabbiati contro a' nemici de' viniziani, che non erano i giudei contro a' romani; e tutto di occorre che uno di lo…

LA GUERRA DIMENTICATA DI GRADISCA, VENETI CONTRO L'AUSTRIA

Immagine
Il nostro amico e redattore Lucio F. ci ha scovato questo interessante articolo su una guerra di cui si parla poco, che vide contrapposte L'Austria a Venezia.  Vi metto l'introduzione sperando di invogliarvi alla lettura. Furono inviate anche le milizie territoriali, comprese quelle padovane, e vi furono non pochi mugugni e malcontenti da parte dei poveri contadini avvezzi solo al campanile del paesino.  M.B.

Maria Silvia Campus, Milano –

La Guerra di Gradisca fu un conflitto che vide contrapporsi, tra il 1615 e 1617, la Repubblica di Venezia e l’Arciducato d’Austria. Si svolse in Friuli tra l’Isontino, l’Istria, il Carso e il Tarvisiano. I Veneziani giustificarono lo scontro con la necessità di indurre l’Arciduca Ferdinando a porre fine alle scorrerie degli Uscocchi, suoi sudditi, nell’Adriatico e nei territori istriani e dalmati allora sotto il controllo di Venezia.

Premesse

Le incursioni dei pirati uscocchi erano un problema che esisteva già da diverso tempo ma nel contest…

LISSA, L'ULTIMA VITTORIA DELLA SERENISSIMA. PARLANO I NOMI.

Immagine
Di Ettore Beggiato
Ogni tanto salta fuori qualche storico (o pseudo tale) che dimostra di avere dei preoccupanti vuoti di memoria per quanto riguarda la battaglia di Lissa e la composizione dei marinai a bordo della marina austriaca.
Oltre a consigliargli di farsi vedere da uno bravo (a una certa età i vuoti di memoria sono pericolosi ...) ripropongo l’ “Elenco dei militari austriaci di nazionalità italiana decorati per lo scontro navale a Lissa”, tratto dall’articolo di Pietro Giorgio Lombardo “Chioggia dal 1849 al 1866. Appunti” apparso nella “Rassegna Storica del Risorgimento” dell’ottobre-dicembre 1978;
NON mi risulta che la "Rivista Storica del Risorgimento" sia un covo di pericolosi indipendentisti veneti...
Medaglie d’oro:
PENSO THOMAS Chioggia
VIANELLO VINZENS detto GRATTON Pellestrina - Venezia
Medaglie d’argento di prima classe:
ANDREATINI ANTON Venezia
PENZO THOMAS detto OCCHIAI Chioggia
MODERASSO ANTON Padova
PREGNOLATO PAUL Loreo – Rovigo
GHEZZO PETER Malamocco - Venezia
DA…

DON FLORIANO PELLEGRINI E LA DOPPIA IDENTITA' VENETA E FRIULANA

Immagine
Caro Millo,
ho ricevuto e letto con tanto piacere la Sua mail. Intanto perché da molto tempo non La sentivo, poi per quanto ha scritto.
In effetti, come dice ottimamente, ogni Veneto ha nel contempo un’identità, non parallela ma d’altro grado, secondo altre dimensioni (in certo senso più territoriali, per altri versi più vicine alle sue radici storiche, oppure un po’ questo e un po’ quello assieme) per cui è Friulano, Trevisano, Feltrino, Bellunese, Veronese, Dalmata, ecc. Essendo io geograficamente e storicamente (da quando si sa dell’esistenza della famiglia, nel sec. XIII-XIV) della Val di Zoldo, ed essendo la Val di Zoldo nella provincia amministrativa di Belluno, sembrerebbe dovessi sentirmi e dichiararmi bellunese e invece no: mi sento collegato con la Carnia! Con il Friuli tramite Zuglio Carnico e Aquileja. Per me Belluno è un corpo estraneo, con il quale ho sì moltissimi più rapporti concreti che con la Carnia, Udine e Aquileja, ma spiritualmente per me resta una realtà altra…