Post

Visualizzazione dei post da 2017

D2: Di Do - Il Paese delle fontane gialle vietate

Ła novità de ła matina l'è che 'l govèrno spagnòło - che 'l contròła ła Catalunya co łe łèji speciałi de l'art. 155 - el sara łe frontiere parché el ga paura che 'l Presidente elèto Puigdemont (costreto a l'èstero da l'órdene de arèsto e da łe minace de vegner copà) el pòsa tornar indrio. "Ma cosa gałi sti Catałani che i fa paura anca se i sta boni?"

Ła Spagna ła xe spaventà e confuxa: i vol ciaparlo i ło minàcia de coparlo ma no i vol farlo entrar. Manca na setimana al voto obligà da Madrid. Łe gigantografie dei partiti unionisti łe xe osesionanti: ghen'è a ògni canton. Cuaxi senpre soło cuełe.  Come nte łe ditadure.

E naturalmente el zało el xe vietà. Inte ła Catalunya controłà dal governo spagnòło łe autorità łe ga ordenà de cavar via el zało da l'iłuminaçion de łe fontane.
 "Caligola fece senatore il suo cavallo... Madrid vieta il giallo" parché el ricòrda i Catałani ancora sarai rènto łe prexon spagnòłe. I unionisti i ga fastìd…

D1: Di uno, el 155

In tełevixion - finche magno pena svejà - el gobierno el dixe che 'l ga aplicà ła łeje.
"Aplicar ła łèje. Cumplir la ley". Cuando che mi èra picenin, tuti i discutea del 144 el nùmaro eròtico. El 155 el xe el nùmaro de ła perversion giurìdica. Co l'art.155 el vècio Stato el ga meso in prexon zente ełèta e paçìfica e 'l ga deçixo de far łe votaçion cuando che 'l vol, come che 'l vol e mandando in prexon i candidai scòmodi.

Ma i Catałani i riese a rìdarghe sù. Sentèndome parlar catałan i schèrça fra de łuri, contando chi che xe independentista e chi nò. Trancuiłi, rispetando łe idee. "Altro che łe divixion che dixe el gobierno", penso. I Catałani i mantien ła calma e ła democraçia.

Col sol, el panorama l'è cuel de senpre. Munti de tèra dura, cołor roso che i va zo al mar. Ndove che finise łe çità, taca i bòschi e i sasi. Par strada cuà e là se vede i manifesti de ła canpagna ełetorałe. Cuaxi senpre de candidai unionisti. Una, in particołar ła g…

IL MOSE SERVE: SCOPERTI I CANNONI DI RE GIORGIO

Immagine
I cannoni di re Giorgio d’Inghilterra. Nei lavori per costruire a Venezia le dighe mobili del Mose sono stati riportati alla luce sette cannoni colossali di bronzo che armavano i velieri della règia marina inglese i quali, mezzo sepolti nella malta, erano stati degradati all’umile lavoro di bitte cui farvi ormeggiare le navi. Restaurati, ora si sta cercando una destinazione per queste testimonianze storiche spettacolari e ingombranti. Piantati in diverse banchine di Venezia — lungo le rive interne all’Arsenale, lungo la fondamento dei Sette Martiri, sulle dighe foranee e così via — vi sono cippi cui si ormeggiano le navi.
Molti di questi cippi piantati nel terreno hanno la forma inconfondibile del vecchio cannone fuori uso. Quando si è trattato di smantellare le dighe dove si sta costruendo il Mose, 
è stato possibile scorire di che cosa si tratta. E alcuni anelli per l’ormeggio che sporgevano dalla riva in realtà erano “cicale” di intere ancore antiche che erano sepolte e nascoste nel…

IL VENETO OGGI, COME ALLORA? IN UN LIBRO, UNA AMARA VERITA'

Immagine
Riporto il brano introduttivo: il Veneto travolto dalla Grande Guerra, cade preda di profittatori, burcrazia impazzita, gaglioffi e trafficoni piovuti in queste terre sconquassate per portare avanti i loro traffici loschi "sulle macerie e miserie di una regione sacrificata".Il falso mito della Grande Guerra - Il Veneto in mano a corrotti ed incapaci, per di più "foresti" - la fucine di nuove idee federaliste che viene soffocata - il Fascismo, la pietra tombale del cambiamento, che forse avrebbe rivoluzionato l'Italia.

L'attenta analisi di Bruno Pederoda ripercorre il periodo storico in terra veneta tra la disfatta di Caporetto e l'ascesa del Fascismo. Pederoda innanzitutto, sfata il Mito della Grande Guerra, così come è stata rappresentata e scritta dal potere Fascista prima e successivamente non mutato da quello Repubblicano; se ormai sembra storicamente assodato che a morire al fronte furono quasi esclusivamente i poveracci del Sud Italia e del Veneto…

D0: Di Zèro

Pena montà sù in aèreo i me sałuda in catałan. Chisà cuanti pasejeri i credarà che 'l sia spagnòło. Intanto, i Catałani i pòrta in vòlta un tocheto de ła so łéngua. Sença saverlo ła zente ła sente sto parlar cuà.


"Che calcheduni el voria che 'l restase sarà sù" - penso mi.


Xe un caxo ma go el biłieto zało. Anca i cuèrzi-sediłi i xe załi. Maria cuanto zało.


"Che ironie. Pensar che i ło ga vietà. I ga vietà l'iluminaçion zała fra i cułuri de łe fontane pùbliche".


Ordine del governo centrale, ordine degli unionisti del Regno.


Rivà. "Ben trovà Catalunya" - penso vardando i cartèłi in dópia łéngua. Catałan e inglexe in bianco, spagnòło in zało. "E el catałan par sora".


Col pensier fo na careça a sta tèra che go conosù ani fa, bèła e spavalda e che dèso go visto rinàsare come na paveja che ła mete łe ałe. Barçelona l'è senpre capital par cultura e viaji. Dèso ła xe anca capital de un Stato novo, che 'l se ga dito indipendente …

UNA MERAVIGLIA DELLA BELLA VICENZA:L'ARCO DELLE SCALETTE

Immagine
Fonte web
Collocato al margine sud orientale del centro storico della città, l'arco segna l'inizio di uno dei percorsi di salita al Santuario della Madonna di Monte Berico (sorto ai primi del Quattrocento), quello costituito appunto dalle Scalette, 192 gradini suddivisi in rampe e che rappresentava l'unico punto di accesso dalla città al santuario prima della realizzazione, a metà Settecento, dei portici di Francesco Muttoni.
.
..


Poco chiara appare la genesi e l'autografia dell'arco. Certe appaiono la data di costruzione, fissata al 1595 (15 anni dopo la morte di Palladio), e l'identità del committente, il capitano veneziano Giacomo Bragadin. Altrettanto documentate sono le richieste dei frati del santuario, risalenti al 1574-1576, che chiedono alla comunità un sostegno finanziario per la ristrutturazione dell'intero percorso delle Scalette, ma nulla prova che l'arco fosse incluso del processo di rinnovamento generale, che per altro investe anche lo s…

IL MISTERO DI RIVA DI BIASIO E LA GIUSTIZIA DELLA SERENISSIMA

Immagine
Il mistero di Riva di Biasio e la giustizia della Serenissima. Era lo “sguazetto” tra le specialità di Biagio Carnio, bechér e luganeghér, che aveva bottega di macellaio con uso di cucina a Venezia, a due passi da dove ancora oggi esiste la fermata dei vaporetti detta “riva de Biasio”. Un’intingolo quasi in forma di minestra con poco brodo, inventato dai macellai del medioevo che con questo piatto sfruttavano anche i piccoli ritagli e i resti di carne dopo la disossatura e le stesse ossa.
Progenitore del Risotto con le secole. Nato in tempo di guerra, in periodi di ristrettezze e all'epoca era già considerato un piatto del giorno di festa. Le secole erano quei pezzetti di carne magra e grassa che rimanevano attaccate alla colonna vertebrale del manzo dopo la macellazione ed il taglio delle carni.
Questo Biasio era un personaggio talmente famoso che non c’era veneziano o foresto giunto in città che non conoscesse la sua bottega. Come peggio non poté conoscerlo un mastro mu…

Quando il veneziano era l'inglese del Mediterraneo

Immagine

CATERINA DOLFIN TRON E LE CORNA DEL SUO CONSORTE.

Immagine
"EL GRATAROL" E LE BARUFFE IN TEATRO."Tron cavaliere, sapiente, ora procuratore, ma se a lui la Patria nega il corno, glielo darà la sposa
Pompeo Momenti nel capitolo XVII del suo libro “Le Dogaresse”, accenna al Gratarol, un massone che aprì una loggia di rito inglese a Venezia nella seconda metà del ‘700. Riporto quanto scritto dall’autore sunnominato. “Anche negli ultimi tempi di spensieratezza corrotta, si voleva che il rispetto circondasse la più eccelsa tra le patrizie, si voleva che il rispetto circondasse la più eccelsa tra le patrizie, si ambiva che nella compagna del capo dello stato, la dignità regale ingrandisse quella femminile." Sembra certo, per esempio, che Andrea Tron, uomo di forte ingegno e così potente da essere chiamato “el paron”, non poté salire al dogato per lo scandalo suscitato dalla moglie nell’affare Gratarol. Sono note, con grande copia di particolari, le avventure del segretario Gratarol, la recita delle Droghe d’amore di Carlo Gozzi, …

Gli Ezzelini: prima riunificazione e "Signoria 1.0"

Immagine
Risale al 554-568, con la riconquista bizantina e la parziale controriconquista longobarda, la divisione fra Venetia Maritima e terraferma veneta. I bizantini avevano riconquistato nel 554 le terre venete prese dagli Ostrogoti dopo la caduta dell'Impero Romano d'Occidente. Appena 14 anni dopo i Longobardi avevano ripreso la terraferma, mentre la zona costiera-lagunare era rimasta sotto amministrazione bizantina. A questa Prima divisione della Venetia, segue poi una frammentazione della terraferma: l'Impero di Carlomagno cade e la terraferma veneta entra in un periodo noto come anarchia feudale. Questa Seconda divisione sfocia con i secoli in una situazione in cui esistono due grandi potenze - Papato e Impero - sotto le quali sia agitano una miriade di città spesso in rivalità fra di loro.
Nel frattempo la dinastia degli Ezzelini, scesa dalla Valsugana e dal Canal di Brenta, inizia gradualmente a conquistare - per matrimonio o per spada - una serie di città. Stabilitisi in…

I RITI DELLA SEMINA DEI PADRI VENETI

Immagine
Di Luigi Pellini



Un passo di Eliano informa che due autori greci del IV a.C. parlano degli usi e costumi delle genti venete. Sono in due scrittori :Teopompo e Licio di Reggio. -Teopompo dice che i veneti che abitano attorno all’Adriatico, quand’è la stagione dell’aratura e della semina, mandano doni ai corvi; e i doni consisterebbero in alcune focacce e in pani ben preparati in modo grazioso. L’esposizione di questi doni intende addolcire i corvi e stipulare con loro un patto, di modo che essi non dissotterrino e non portino via il frutto di Demetra disseminato per terra. Anche Licio di Reggio è d’accordo su questo punto , ed aggiunge a ciò che (…lacuna nel testo greco, in cui si parlava di altri doni ai corvi), e cinghie di cuoio color porpora e quindi quelli che avevano esposto queste cose si allontanano.

E gli stormi dei corvi rimangono fuori dai cippi di confine. Degli animali ambasciatori richiamano i corvi, e venendo a schiere i Veneti vedono se i doni sono graditi e sanno se l’a…

I LONGOBARDI SPEZZANO L'UNITA' DEI VENETI, anche le pietre migrano....

Immagine
La pressione dei Longobardi provoca ancora emigrazione in laguna. E' questo il momento in cui si rompe l'unità territoriale dell'antica 'VENETIA ET HISTRIA e si spezza il cordone ombelicale con Ravenna; le isole vengono abbandonate a se stesse, proprio perché i bizantini sono impegnati a difendere i propri confini orientali dagli altrui appetiti (persiani, avari, arabi, slavi... ).
Da Altino il vescovo Paolo conduce clero e popolo all'isola del Torcello e in altre isole vicine, portando con se le reliquie del santo Eliodoro racchiuse in un prezioso sarcofago pagano, ma un mese dopo muore; tuttavia il suo successore Maurizio ottiene dal papa la conferma della translazione della sede. ' I resti della romana Altino vengono sistematicamente trasportati pezzo per pezzo, prima alla vicina Torcello poi a Venezia'. (Perocco).  Torcello quindi nasce utilizzando come materiale di costruzione le pietre romane di Altino (mattoni, colonne, capitelli, lapidi, sculture) m…

I VALORI MARCIANI o della MORALE UNIVERSALE

Immagine

NAPOLEONE LADRO COME I VENEZIANI? NO, ECCO LA DIFFERENZA

Immagine
Molto spesso si sente ripetere dai fans di Napoleone che le sue ruberie furono uguali a quelle dei veneziani nel corso della IV crociata, a Bisanzio, che fruttarono la magnifica quadriga esposta sulla facciata della basilica marciana. Interpretazione scorretta, per due principali motivi:
il primo è un errore di metro di misura: non si può paragonare un fatto occorso all'inizio del 1200 con eventi accaduti nella civilissima Europa di fine '700. I contesti erano diversissimi.
Il secondo errore sta nel motivo che portò al saccheggio di Bisanzio, evento senzaltro doloroso, ma che ha una fondata giustificazione dato che l'intervento dei Crociati, e di Venezia che con le sue navi li trasportava in Terra Santa, fu richiesto da Alessio IV, il basileo spodestato da un usurpatore, il quale fuggì con le casse dello stato bizantino. Il Basileo legittimo si trovò quindi in grande difficoltà, non in grado di pagare la cifra pattuita agli alleati che lo avevano rimesso al potere. e questi …